Marcello Diotallevi - Cartoline                      d'Artista

Collezione speciale di oltre 100 Cartoline d'Artista di Marcello Diotallevi datate tra gli anni '80 e il 2022. Le cartoline, realizzate in edizioni limitate di varie tirature, sono state concepite da Diotallevi come opere autonome o per illustrare la propria attività espositiva.

Le cartoline presentano l'intera poetica dell'artista:  dalla scrittura gestuale al ciclo delle Fiabe al Vento, dai rapporti interpersonali e le amicizie al Network della Mail Art prima di internet, fino al tema dell'eros e della Grafica postmoderna. Le cartoline sono stampate tipograficamente o in serigrafia.

Contattare per informazioni e disponibilità

NOTA BIOGRAFICA

Marcello Diotallevi è nato il 24 aprile del 1942 a Fano. Ha vissuto a Roma dal 1946 al 1974 dove,per un decennio, ha esercitato l’attività di restauratore presso il Laboratorio di restauro in Vaticano.

Ha inizio in quegli anni anche la sua attività artistica all’insegna dell’irrequietezza. Come pittore prima, poi come scultore - nei primi anni Settanta -, quindi per un po' si occupa di grafica e infine inizia a scrivere. Sul finire degli anni Settanta hanno inizio le sue incursioni nell’area della Mail Art e della Poesia Visiva, propri della controcultura.

In oltre quarant’anni di costante attività ha collaborato con suoi interventi a libri e riviste nazionali e internazionali. Ha allestito mostre personali nelle maggiori città italiane e all’estero, partecipando nel contempo a esposizioni collettive in tutto il mondo. Fa parte del gruppo di intervento artistico “I metanetworker in spirit”.

Si occupa in prevalenza di Poesia Visiva, Mail Art, installazioni e libri d’artista. E’ l’autore della copertina della Guida al Musée National d’Art Moderne-Centre Georges Pompidou di Parigi (Hazan Editeur, 1983). Nel 2007 è invitato al 52° Biennale di Venezia, Eventi Collaterali, “Camera 312 - promemoria per Pierre”. Figura nella Storia dell’arte italiana del ‘900. Generazione anni Quaranta di Giorgio Di Genova, edizioni Bora, Bologna 2007.

Le sue opere  e libri d'artista sono presenti  tra gli altri nel  The  Ruth and Marvin Suckner Archive of Concrete and Visual Poetry dell' Università dell'Iowa, al Getty Reasearch Institute e la Beinecke Library.  Dal 1974 abita a Fano.